Pubblicato il

In questo albergo

In questo albergo pieno
di cuscini ombrosi, mani
calde degli uomini, giacche
lunghe poggiate sulle spalliere
delle sedie che per terra
strusciano e s’impolverano
all’infinito, vapori
che indiscreti escono
dalle cucine, giovani soli
che arrossiscono le spiagge,
donne in dolci prigioni
fatte di bambini
e dei loro orari,
vedo finestre
dentro le finestre,
mi porto oltre lo sguardo
come spesso accade
al mio petto, e vorrei te
al mio fianco
per farmi fotografare
come indigeno dell’amore
che rivive cose antiche,
delicate e selvagge,
che suscita curiosità
e la fragile tenerezza di chi osserva.

Annunci

Informazioni su simonebocchetta

"o con ragione, o senza ragione, o contro di essa, io non voglio morire. E quando infine morirò, se morirò definitivamente, non mi sarò lasciato morire, ma mi avrà ucciso il destino umano" (M. De Unamuno, Del sentimento tragico della vita).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...