Pubblicato il

Persona

Contemporaneamente
si può essere metafora,
scultura fissa in un corridoio tortuoso,
geometria instabile che solo sottintende un genere,
viaggio fantastico con diverse inquadrature,
sottile cartone animato,
ritratto di spalle senza volto del soggetto,
specchio su mobili in legno,
espressione inquieta di un periodo iniziatico,
spazio incontaminato e suggestivo,
libera organizzazione di suoni,
problema sotto gli occhi di tutti,
edizione limitata del presente,
infante bersagliere silenzioso,
commozione dall’aspetto meramente formale,
artista neo-pop a soqquadro,
terzo ed ultimo di una serie di figli da tre
(come slip o boxer in saldo),
in compartecipazione ludica tra politica e pubblico pagante,
angolo obliquo,
sottotitolo di un libro noioso ma massimalista,
identità che punta alla luce,
fantastica manipolazione collaborativa,
freccia puntata su un diamante,
troppa e troppo profonda evocazione,
sguardo inaugurale d’acciaio,
discesa estroflessa in abisso,
natività in porfido rosso,
reale inaccessibile,
un fare sul serio pur avendo in testa il faceto,
un’architettura poetica inconsistente
che si pone in sé per incrinar la critica,
carne che accappona ed avvizzisce,
una soave camera di decompressione,
bandiera americana a base ottagonale
appesa su una palma,
quella stoffa di camicia che s’increspava nell’aria indispensabile,
l’umorismo macabro della tecnica,
Ross, Chandler o Joey,
souvenir di razionalità,
un ranocchiare sotto la superficie del terrore
di questa tardiva prigione,
commedia da salotto con pipa di radica e sigaro,
appunto su foglio di protocollo a righe in penna rossa,
le vicine lettere della tastiera (uiopè)
e persona,
e modernamente esistere
da ultima d’elenco
l’altri comprendendo
ad ogni istante.

Annunci

Informazioni su simonebocchetta

"o con ragione, o senza ragione, o contro di essa, io non voglio morire. E quando infine morirò, se morirò definitivamente, non mi sarò lasciato morire, ma mi avrà ucciso il destino umano" (M. De Unamuno, Del sentimento tragico della vita).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...